SOLO IN MEDIAZIONE RESTANO LE AGEVOLAZIONI
  • 2014 jordan 3
  • Nike Free Run
  • Nike Lebron 11
  • Lebron James X Shoes
  • Jordan Retro 11
  • 0

    SOLO IN MEDIAZIONE RESTANO LE AGEVOLAZIONI

    Dal primo gennaio 2014 è  entrato in vigore il dettato del art. 10, co. 4 del D. Lgs 23/2011 che prevede che  “sono soppresse tutte le esenzioni e le agevolazioni tributarie, anche se previste in leggi speciali” in materia di trasferimenti immobiliari.

    Un’ottima ragione per mediare, in quanto la mediazione è rimasta sostanzialmente l’UNICA agevolazione fiscale esistente in materia.

    Infatti -come sappiamo- così recitano i commi 2 e 3 dell’ Art. 17, D. Lsg. 28/2010:

    “2. Tutti gli atti, documenti e provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura.

    3. Il verbale di accordo è esente dall’imposta di registro entro il limite di valore di 50.ooo euro, altrimenti l’imposta è dovuta per la parte eccedente.”

    Inoltre -ovviamente- nulla ha a che vedere con la suddetta soppressione il credito di imposta fino a 500,00 Euro previsto per i costi della mediazione.

    Quindi in mediazione (sostanzialmente unico caso) permangono le agevolazioni fiscali e tributarie: esenzione da bolli, tasse, imposte; esenzione dalla tassa di registrazione fino al valore di Euro 50.000,00 (si paga solo sull’eccedenza); credito di imposta per le indennità pagate fino ad un massimo di Euro 500,00 (in caso di accordo).

    Il metodo del “prezzo valore” è un metodo di determinazione della base imponibile dell’imposta di registro, non qualificabile tecnicamente in termini di “agevolazione”. Ne deriva che tale metodo NON rientra nella portata applicativa dell’art. 10, comma 4, D. Lgs.. 23/2011. Infatti il vantaggio ottenibile dal contribuente non permette l’assimilazione della misura a un ‘”agevolazione”.

    La convenienza -di fatto- aumenta.

    2014 Aj Shoes jordan 11 low